Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate quasi un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi potete scrivermi, o se si tratta di una semplice domanda, leggete le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo la tua email dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » Case editrici » L’EDITORE FURBETTO E LA ‘SUBMISSION SPONSORIZZATA’
sabato, 16 giu 2012

L’EDITORE FURBETTO E LA ‘SUBMISSION SPONSORIZZATA’

Post by on Case editrici, editoria 343 0

Dollars in the books, isolated on white background, business traLa settimana scorsa, nello Stato del  Maryland, la casa editrice PublishAmerica (che, a parole, si picca di essere non a pagamento) è finita in tribunale a opera di tre autori, i quali  lamentano il pagamento di servizi mai ricevuti e accusano l’editore di fuorviare la gente inducendola a credere che PublishAmerica vanti contatti importanti con persone famose.

 

Nel 2011, infatti, il medesimo editore era finito nell’occhio del ciclone per aver annunciato, tramite il proprio sito, che una sua delegazione avrebbe presto incontrato J.K. Rowling per parlarle di alcuni manoscritti ricevuti in visione. Per rientrare in questa ‘rosa’ di eletti, chiunque poteva sottoporre 50/100 parole del proprio romanzo al modico prezzo di 49 dollari.

 

Appresa la notizia, la Rowling aveva subito incaricato proprio portavoce, Mark Hutchinson, di dichiarare tale annuncio completamente destituito di fondamento e aveva dato mandato al proprio legale di procedere con le opportune azioni nei confronti della casa editrice menzognera, servendo all’editore una bella diffida.  Quest’ultimo aveva risposto dicendo che l’operazione implicava solamente l’opportunità di consegnare casualmente (probabilmente sfruttando l’occasione del festival letterario che si svolgeva in quel periodo – NdR) gli elaborati alla famosa scrittrice e non implicava né l’esistenza di una collaborazione né la sponsorizzazione di Publish America da parte di lei.

 

Da sottolineare, comunque che anche il Better Business Bureau – che raccoglie tutte le informazioni sulle società americane e canadesi – segnala 267 lamentele sul comportamento di PublishAmerica, 105 delle quali non hanno mai ricevuto spiegazioni da parte dell’editore.

Tag

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui