Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate oltre un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi, o se volete contattarmi per fissare conferenze o seminari potete scrivermi a info@avvocatomarinalenti.it, o se si tratta di una semplice domanda, leggete più sotto le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che



    ©Marina Lenti - Tutti i diritti riservati
  • PER ESORDIENTI

     

    Per gli aspiranti scrittori o scrittori esordienti è disponibile il servizio di cui a questo link. Per ulteriori informazioni, scrivetemi a info@avvocatomarinalenti.it

    Trovate **QUI**  le mie referenze

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email e alla relativa richiesta di conferma, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo il tuo indirizzo email e confermando l’iscrizione rispondendo alla relativa mail che riceverai, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » marchi » QUANDO IL TITOLO DEL DISCO OFFENDE IL MARCHIO ALTRUI
lunedì, 14 Gen 2013

QUANDO IL TITOLO DEL DISCO OFFENDE IL MARCHIO ALTRUI

Post by on marchi 779 0

shit-chanelUna problematica  interessante, in campo musicale,  riguarda il caso in cui il marchio di servizio di una band entri in conflitto con un marchio di prodotto già conosciuto sul mercato.

 

Lo spunto più bizzarro su questo tema é offerto da una sentenza danese dei primissimi anni ’80 (1). Un gruppo femminile locale aveva adottato come nome l’espressione ”skidt og kanel”, che in Danese significa “spazzatura e cannella” ed é usata, nel linguaggio di ogni giorno, per designare, anche in senso figurato, tutto ciò che é ‘immondizia’ o comunque di poco conto. Un leggero cambio di pronuncia può finire per modificare la locuzione in “shit and Chanel” (che non credo abbia bisogno di traduzione…).

 

Il complesso, assurto a discreta fama nazionale, realizzò sotto questo nome un certo numero di album, uno dei quali intitolato addirittura, più esplicitamente, ‘Shit & Chanel No. 5’.

 

E’ intuibile che la rinomata maison, produttrice, tra le altre cose, dell’omonimo profumo, non fosse affatto contenta dell’associazione dei due termini. E, benché non avesse depositato il marchio Chanel per quegli aspetti che riguardano l’intrattenimento musicale, essa poté fare affidamento sulla particolare protezione, ormai diffusissima, accordata ai marchi di rinomanza (e prevista anche dalla legge danese sotto la Sezione 6.2 [a]), che impedisce lo sfruttamento di questo tipo di marchio anche per settori non affini a quelli per cui il segno é stato registrato, a maggior ragione se l’uso del segno concorrente getta discredito sul marchio rinomato.

 

(1)  Maritime & Commercial Court of Copenhagen, 13 agosto 1981, in 3 EIPR 1981.

 

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui

Privacy Preference Center