Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate oltre un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi, o se volete contattarmi per fissare conferenze o seminari potete scrivermi a info@avvocatomarinalenti.it, o se si tratta di una semplice domanda, leggete più sotto le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che



    ©Marina Lenti - Tutti i diritti riservati
  • PER ESORDIENTI

     

    Per gli aspiranti scrittori o scrittori esordienti è disponibile il servizio di cui a questo link. Per ulteriori informazioni, scrivetemi a info@avvocatomarinalenti.it

    Trovate **QUI**  le mie referenze

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email e alla relativa richiesta di conferma, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo il tuo indirizzo email e confermando l’iscrizione rispondendo alla relativa mail che riceverai, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » agenzie letterarie » LE AGENZIE LETTERARIE IN ITALIA
lunedì, 14 Ott 2013

LE AGENZIE LETTERARIE IN ITALIA

Post by on agenzie letterarie 1095 0

readingfeesAncora uno spunto che arriva da una discussione su Linkedin: la situazione delle agenzie letterarie in Italia.

 

Moltissimi autori sono convinti che la cosiddetta ‘tassa di lettura’, richiesta di default per esaminare un manoscritto, sia la regola e sia giustificata. In realtà non è così. In USA o in UK applicare la tassa di lettura significa finire immediatamente in blacklist. Allora perché in Italia la tassa di lettura viene applicata dalla stragrande maggioranza degli agenti, salvo poche felici eccezioni?

 

Di solito la si giustifica dicendo che il nostro mercato è più piccolo e meno sviluppato, e in effetti sappiamo tutti la tragica condizione in cui versa l‘Italia quanto a consumo di libri. Quindi questa entrata supplirebbe alle minori possibilità di fare affari semplicemente guadagnando, come dovrebbe essere normalmente, una percentuale sui contratti procurati dall’agente al proprio cliente-autore.

 

Tuttavia il fatto stesso che, nel nostro Paese, esistano eccezioni che NON applicano la tassa di lettura smonta questa giustificazione, essendo una riprova che, anche da noi, c’è chi è in grado di esercitare il mestiere dell’agente senza ricorrere a questo escamotage.

 

Non solo: un qualsiasi editore opera esattamente lo stesso tipo di scrematura con tutti i manoscritti che gli vengono recapitati e quindi, se lo fa gratuitamente l’editore, non si capisce perché l’agente debba farlo a pagamento.

 

C’è poi un’altra integrazione che molte agenzie italiane utilizzano ed è quella di prendere un autore in scuderia facendogli pagare il servizio svolto per il periodo contrattualmente contemplato, indipendentemente dai risultati ottenuti. Questa pratica, a prima vista, ha già più senso, visto che effettivamente la ricerca di un editore implica l’impiego di mezzi e di attività.

 

Tuttavia, se ci si riflette un po’ sopra, qualcosa stona: chiunque fornisce un servizio si fa pagare per quello ma non chiede, poi, una percentuale sui contratti procurati in virtù di quel servizio. Non si capisce quindi perché un’agenzia dovrebbe guadagnare due volte.

 

Nell’eventualità che questo post fosse letto da un agente che applica questi due modi, o anche uno solo di essi, e che volesse confrontarsi apertamente, questo spazio resta a disposizione, perché confrontarsi resta sempre il miglior modo per sviscerare e capire a fondo un argomento.

 

Nell’attesa, il mio invito agli autori che fossero alla ricerca di un agente è di cercarne uno fra i pochi free esistenti nel nostro Paese.

 

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui