Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate oltre un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi, o se volete contattarmi per fissare conferenze o seminari potete scrivermi a info@avvocatomarinalenti.it, o se si tratta di una semplice domanda, leggete più sotto le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che



    ©Marina Lenti - Tutti i diritti riservati
  • PER ESORDIENTI

     

    Per gli aspiranti scrittori o scrittori esordienti è disponibile il servizio di cui a questo link. Per ulteriori informazioni, scrivetemi a info@avvocatomarinalenti.it

    Trovate **QUI**  le mie referenze

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email e alla relativa richiesta di conferma, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo il tuo indirizzo email e confermando l’iscrizione rispondendo alla relativa mail che riceverai, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » Cinema » L’ADATTAMENTO TV DEL TRONO DI SPADE E’ IL PIU’ PIRATATO DI TUTTI I TEMPI
lunedì, 07 Apr 2014

L’ADATTAMENTO TV DEL TRONO DI SPADE E’ IL PIU’ PIRATATO DI TUTTI I TEMPI

Post by on Cinema, Pirateria 1347 0

il_trono_di_spadeSecondo una ricerca effettuata da TorrentFreak, un’organizzazione che traccia l’uso dei software peer to peer come BitTorrent, George R.R. Martin può ora vantare, accanto ai suoi Premi Hugo e Nebula, anche un riconoscimento a prima vista tutt’altro che desiderabile: lo sceneggiato televisivo tratto dalla sua saga fantasy, Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, risulta infatti  il programma più scaricato illegalmente di tutti i tempi.

 

L’anteprima della terza stagione del Trono di Spade, trasmessa in America il 31 marzo scorso, ha prodotto infatti ben cinque milioni e duecentomila download pirati, superando quelli della seconda stagione che, con i suoi quattro milioni e trecentomila scaricamenti, aveva già stabilito il massimo record in questa non invidiabile classifica.

 

Anche la media dei download di ciascun episodio della terza stagione, che ha coperto un arco di dieci settimane, si attesta sulle medesime cifre dell’anteprima, mentre l’episodio finale, trasmesso il 9 giugno, è risultato anche il più condiviso della Storia, con 170.000 utenti unici che l’hanno reso disponibile online pochi secondi dopo che erano stati trasmessi i titoli di coda.

 

L’Australia sembrerebbe essere stata il Paese più attivo ai danni dello sceneggiato, rendendo furioso l’ambasciatore USA nella terra dei canguri. Tuttavia, se si guarda alla classifica della città più solerte a scaricare, ci si deve spostare nella vecchia Britannia, e precisamente nella sua capitale: risulta infatti un milione la media dei Londinesi ‘scaricatori’ per episodio, quasi un quinto del totale dei pirati settimanali.

 

Sembra però che i pezzi grossi della HBO, casa di produzione dello show, anziché reagire come ci si aspetterebbe, abbiano considerato questi dati come una lusinghiera testimonianza di interesse da parte del pubblico e come inevitabile, conseguente sottoprodotto di tale successo. Un segno del cambiamento dei tempi e della mentalità, visto che è stato ampiamente provato che la pirateria è un fenomeno non arginabile e che, tuttavia, può essere trasformata in propellente per la vendita di prodotti e/o servizi connessi a quelli principali.

 

Negli ultimi anni, hanno iniziato a capire molto bene l’antifona alcuni musicisti, che ormai incoraggiano il download gratuito dei propri album sapendo che può produrre effetti benefici quali – anche se a prima vista appare paradossale – l’aumento delle vendite di quegli stessi dischi e, in ogni caso, l’aumento degli spettatori ai concerti e ai clinic, così come l’aumento degli acquirenti di merchandise.

Insomma, come dice il vecchio adagio, “se non puoi battere il nemico, fattelo amico!”.

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui