Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?

    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.
    Vi trovate quasi un centinaio di articoli, ma se avete un quesito specifico potete scrivermi a info (at) avvocatomarinalenti.it [sostituire (at) con @]
    Contrariamente a ciò che si pensa degli avvocati, non mordo :D A meno che non siate una mia controparte ;)
  • NEWSLETTER

    Dopo l'inserimento dell'email, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo la tua email dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » Case editrici » IL VIZIETTO DEL PAGAMENTO IN COPIE
venerdì, 05 giu 2015

IL VIZIETTO DEL PAGAMENTO IN COPIE

Post by on Case editrici 944 0

no moneyUltimamente si sta estendendo a macchia d’olio una pratica che trovo estremamente scorretta: quella di pattuire contrattualmente royalty in denaro e poi, quando si tratta di corrisponderle, accampare la scusa del poco venduto e/o della crisi aziendale per sostituirle con il pagamento in libri.

 

Molti autori, sia per il fatto che spesso si parla di poche decine di euro, sia perché mossi a compassione, cedono alla proposta e si ritrovano la casa invasa di libri manco avessero optato per una casa che pubblica a pagamento.

 

Orbene, poiché tanti o pochi, l’editore quei soldi li ha comunque incassati, non si capisce perché debba tenerseli e commutarveli in carta stampata. Posso capire, con la crisi, l’allungamento dei pagamenti, ma questa permuta è un trucchetto davvero fetente, a cui ormai ricorrono anche editori che, dall’esterno, godono di una certa reputazione e che, dall’esterno, sembrerebbero insospettabili.

 

Gli autori siano quindi elastici, magari, con le tempistiche di pagamento, ma non transigano sulla natura dello stesso. E, magari lo mettano ben in chiaro in sede di trattative contrattuali. Ancora meglio se se lo fanno scrivere nel contratto.

 

Diverso è il caso di quegli editori che prevedono la corresponsione in libri fin dall’inizio: lì si tratta di una libera scelta dell’autore, che magari accetta perché comunque gli interessa mettere in cantiere una prima pubblicazione free a prescindere da un eventuale ritorno economico. Ma se il patto è chiaro dall’inizio, ognuno sarà in grado di  fare le sue valutazioni e decidere se accettare o meno senza successivi appelli pietistici da parte dell’editore, che non hanno alcuna ragione di essere (lo ripeto: lui quei soldi li ha incassati, non esiste che se li tenga sbolognando agli autori il rischio dell’eccedenza di magazzino).

 

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui