Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate oltre un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi, o se volete contattarmi per fissare conferenze o seminari potete scrivermi a info@avvocatomarinalenti.it, o se si tratta di una semplice domanda, leggete più sotto le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che



    ©Marina Lenti - Tutti i diritti riservati
  • PER ESORDIENTI

     

    Per gli aspiranti scrittori o scrittori esordienti è disponibile il servizio di cui a questo link. Per ulteriori informazioni, scrivetemi a info@avvocatomarinalenti.it

    Trovate **QUI**  le mie referenze

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email e alla relativa richiesta di conferma, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo il tuo indirizzo email e confermando l’iscrizione rispondendo alla relativa mail che riceverai, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » Case editrici » LA ‘GIUSTA’ ROYALTY
venerdì, 20 Gen 2017

LA ‘GIUSTA’ ROYALTY

Post by on Case editrici, diritto d'autore 548 0

percentageParlo spesso con autori che si dichiarano confusi in merito a quali possano considerarsi delle ‘giuste’ royalty in un contratto di edizione.

 

Premesso che il giusto è soggettivo, perché dipende anche dal tipo di opera e di editore, ho pensato che la cosa migliore per fornire dei parametri di riferimento fosse ricapitolare quello che accade nella grande maggioranza dei casi e quello che costituisce l’eccezione, sia nel bene che ne male, secondo quello che ho potuto visionare nella mia pratica quotidiana.

 

LIBRO CARTACEO

La quota minima che ho visto riconoscere è il 4%, anche se è piuttosto rara.

Ho visto parecchi contratti tarati sul 5%, ma direi che la maggioranza oscilla fra il 6 e l’8%. Chi riconosce un 6% di base adotta spesso un meccanismo ‘premiale’ per cui tale è la percentuale riconosciuta sino a tot copie (tenete presente che il ‘tot’ è un numero variabile a seconda della tiratura di ciascuna opera ed è chiaro che un piccolo editore calcolerà la progressione nell’ordine delle centinaia di copie, mentre un grosso nell’ordine delle migliaia); dopodiché si passa al riconoscimento di un 7%, di nuovo fino a un tot di copie vendute. Infine, da lì in poi, si applica una percentuale dell’8. Molti di quelli che adottano tale sistema sono tuttavia disponibili a un’alternativa forfettaria, per cui l’autore può accordarsi su un 7% da subito, ma che poi resterà fisso indipendentemente dalle copie vendute. Il mio consiglio, nel caso, è di adottare proprio questa cifra media piuttosto che il meccanismo premiale, a meno che non siate convintissimi di vendere sfracelli.

 

Più raramente, ma non così raramente, ho visto riconoscere percentuali del 10%, anche da piccoli editori.

 

In qualche caso ho visionato un contratto che riconosceva, anche agli esordienti, un 20% ma qui siamo proprio nella casistica della cosiddetta ‘mucca viola’ (non nel senso della Milka ma di Seth Godin).

 

 

EBOOK

Qui il range va da un minimo del 15%, piuttosto raro, a un massimo di 50%, rarissimissimo.

La stragrande maggioranza si attesta fra il 20 e il 25%, anche se non è raro il 30%.

Il mio consiglio è di non accettare nulla sotto il 25, a meno che entrino in gioco altre considerazioni soggettive e dunque variabili da caso a caso e da opera a opera, in nome delle quali valga la pena sacrificare qualche punto percentuale a fronte di altri tipi di benefici.

 

Questo per quanto riguarda i diritti di pubblicazione. Per quanto concerne gli altri diritti, (es. traduzione, trasposizione cinematografica, trasposizione teatrale etc), si oscilla fra il 40 e il 50%. Ho visto qualche caso sotto il 40, ma si tratta di eccezione che peraltro sconsiglio di accettare.

 

Un cenno a parte riguarda poi i diritti di merchandise: qui si oscilla fra un minimo del 5% a un massimo del 50%, con una media del 10%.

 

 

 

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui