Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate oltre un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi, o se volete contattarmi per fissare conferenze o seminari potete scrivermi a info@avvocatomarinalenti.it, o se si tratta di una semplice domanda, leggete più sotto le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che



    ©Marina Lenti - Tutti i diritti riservati
  • PER ESORDIENTI

     

    Per gli aspiranti scrittori o scrittori esordienti è disponibile il servizio di cui a questo link. Per ulteriori informazioni, scrivetemi a info@avvocatomarinalenti.it

    Trovate **QUI**  le mie referenze

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email e alla relativa richiesta di conferma, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo il tuo indirizzo email e confermando l’iscrizione rispondendo alla relativa mail che riceverai, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » diritto d'autore » PAOLO COEHLO, IL PIRATA DI SE STESSO
venerdì, 14 Set 2012

PAOLO COEHLO, IL PIRATA DI SE STESSO

Post by on diritto d'autore 934 1

coelhoMolti sanno che Paulo Coelho, autore di bestseller come L’Alchimista, appoggia la libera distribuzione delle proprie opere in Rete. Non tutti conoscono, però, quali circostanze lo hanno portato a essere uno dei primi aderenti a questa policy, che è in totale contrapposizione col pensiero dominante nel settore editoriale.

 

L’antefatto

Ebbene, ecco cosa accadde: nel 1999, la versione russa dell’Alchimista aveva venduto appena un migliaio di copie. Molte per un autore alle prime armi, ma un quantitativo ridicolo per qualcuno del calibro di Coelho.

 

L’autore, allora, ne mise online una copia in Russo. Le vendite russe del cartaceo si impennarono immediatamente senza bisogno di ulteriori spinte pubblicitarie e, da lì a un anno, raggiunsero quota 10.000 copie, che l’anno seguente diventarono addirittura 100.000.

 

La strategia

Adottando la stessa tattica con altri titoli in varie lingue, Coelho ha venduto altri milioni di libri, di cui oltre 10 nella sola Russia. Coelho si dichiara convinto che la differenza l’abbiano fatta proprio Internet e il suo sharing gratuito. Secondo lui, infatti, è molto difficile leggere un libro sul proprio computer; pertanto, se alla gente piace la prima quarantina di pagine, alla fine cede e, per comodità, va direttamente a comprarsi il cartaceo.

 

Nel 2006 lo scrittore ha addirittura varato un apposito sito dal quale ‘autopiratarsi’ con tutta comodità: lo ha chiamato eloquentemente The Pirate Coelho e, tre anni dopo, lo ha trasferito in una sezione del suo sito. Qui carica testi in lingue differenti, versioni audio e anche versioni pirata, in lingue di Paesi che non hanno comprato i diritti di traduzione. In pratica, Coelho, oltre a se stesso, pirata pure i pirati, considerando anche questo materiale una forma di condivisione 😀

 

I suoi editori sparsi per il mondo, spesso inconsapevoli del fatto che questo scrittore è il primo pirata di se stesso, a volte hanno intrapreso azioni per rimuovere dalla circolazione le copie illegali. Ma, come si sa, questo significa spalare il mare con una forchetta, oltretutto quando il proprio autore è a capo dell’ ‘organizzazione’.

 

L’investimento

Coelho trascorre on line circa tre ore al giorno, interagendo col pubblico attraverso i social network e gestendo oltre un migliaio di email al giorno, con l’aiuto di uno staff di ben sei persone, che gli costano 15.000 dollari al mese.

 

Dai libri in Rete ai film in Rete

E poiché nessuno dei suoi romanzi è mai stato portato sul grande schermo, lo scrittore ha usato di nuovo la Rete sollecitando i lettori a realizzare film tratti dalle sue opere, Così è successo, ad esempio, per La Strega di Portobello, il cui film è stato poi realizzato nell’ottobre 2009 cucendo insieme vari spezzoni creati da utenti diversi, selezionati attraverso un concorso.

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui