Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate oltre un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi, o se volete contattarmi per fissare conferenze o seminari potete scrivermi a info@avvocatomarinalenti.it, o se si tratta di una semplice domanda, leggete più sotto le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che



    ©Marina Lenti - Tutti i diritti riservati
  • PER ESORDIENTI

     

    Per gli aspiranti scrittori o scrittori esordienti è disponibile il servizio di cui a questo link. Per ulteriori informazioni, scrivetemi a info@avvocatomarinalenti.it

    Trovate **QUI**  le mie referenze

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email e alla relativa richiesta di conferma, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo il tuo indirizzo email e confermando l’iscrizione rispondendo alla relativa mail che riceverai, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » diritto d'autore » L’INSOSTENIBILE TENTAZIONE DEL COPYRIGHT: THE NOCTURNE V. BREAKING DAWN
venerdì, 21 Set 2012

L’INSOSTENIBILE TENTAZIONE DEL COPYRIGHT: THE NOCTURNE V. BREAKING DAWN

Post by on diritto d'autore 1269 1

meyerC’è una  errata percezione sul plagio, che è purtroppo molto diffusa. Molti pensano infatti che il diritto d’autore protegga le idee, mentre il diritto d’autore protegge la forma espressiva che le veicola. E che lo ignorino altri scrittori in cerca di notorietà può anche essere comprensibile e, fino a un certo, punto scusabile. Quello che non lo è sono le schiere di avvocati che queste sottigliezze dovrebbero spiegarle ai propri clienti, per non rischiare di imbarcarli in liti temerarie.

 

L’impressione è che invece i legali americani abbiano ormai l’atto di citazione facile, contribuendo così ad alimentare l’ego di persone che, semmai, avrebbero bisogno di sgonfiarlo un po’. Ego, per esempio, come quello della sconosciuta Jordan Scott, che nell’estate del 2009 fece causa a Stephenie Meyer, la famosa autrice della saga di Twilight, sostenendo che la trama del quarto volume di quella serie, Breaking Dawn, fosse un plagio del suo romanzo The Nocturne.

 

Il primo fu pubblicato nel 2008, mentre il secondo, parte di una trilogia fantasy in itinere, fu pubblicato in Rete nel 2006 e, poco dopo, autopubblicato su carta.

 

Alla Meyer furono contestate assurdità come, ad esempio, una scena di sesso dopo un matrimonio, il personaggio di una donna incinta di un bambino dai poteri malefici e una scena in cui la moglie di uno dei personaggi principali muore. Si può obiettare, e a ben ragione, che scene come queste si trovano ovunque, a mazzi di due nichelini al chilo, ma quello che è evidente a chiunque non lo era evidentemente per la Scott. L’autrice sostenne che la Meyer si sarebbe spinta persino a riprendere intere frasi dalla sua opera: ad esempio, nella scena di sesso sopramenzionata,  la Scott mise a  confronto la propria  frase:

 

“There was silence. It could have been no more perfect”

(C’era silenzio. Non avrebbe potuto essere più perfetto),

con quella della Meyer, laddove questa  scriveva:

“The moment was so perfect, there was no way to doubt it”

(Il momento era così perfetto che non c’era modo di dubitarne).

 

Se vi sembra che la puntualizzazione sintattica di cui sopra non aggiungesse un millimetro alle pretese della Scott, a parte incrementare il ridicolo, non potrete fare a meno di sbellicarvi dando uno sguardo ai raffronti di passaggi ritenuti similari e allegati alla lettera inviata dai suoi avvocati a Stephenie Meyer. Chi di voi conosce l’Inglese può visionare il documento a questo link e rendersi conto da sé della pretestuosità e risibilità dei rilievi.

 

Ma il senso del ridicolo non fece comunque arretrare né la giovane autrice né il suo team legale, che anzi, non avendo avuto riscontro alla propria lettera di ‘cease and desist‘,  depositò una citazione in tribunale, demandando al giudice californiano Otis D. Wright II la soluzione della controversia. Questi, nel dicembre dello stesso anno, emise una sentenza tanto semplice quanto scontata: Stephanie Meyer non aveva copiato Jordan Scott. Il giudice osservò infatti che i due lavori non avevano similarità sostanziali dal punto di vista legale. Si trattava solo di scene che avevano lo stesso tema sotteso ma che, dal punto di vista formale, non erano neppure lontane parenti.

 

Breaking Dawn venne qualificato come un lavoro che possiede, attraverso l’intera storia “un tono molto moderno e fresco che attrae un pubblico giovane”, mentre The Nocturne sarebbe “un’amalgama linguistica dai toni prevalentemente più arcaici che moderni, probabilmente senza riscontri sia nella letteratura classica che in quella moderna”.

 

Questa osservazione,  unita alla quarta di copertina della Scott —  che fa presagire la solita zuppona psuedomedioevale con lo stregone-che-non-sa-di-esserlo — risulta abbastanza inquietante, perché alla banalità della trama aggiunge l’idea che la sua autrice non sia stata in grado di scegliere e padroneggiare un registro fino in fondo, altalenando paurosamente fra l’uno e l’altro. A meno che si abbia davanti un genio che è stato invece in grado di reinventare la lingua in un modulo straordinariamente innovativo, mai riscontrato, appunto, sino ad ora. Lascio ai lettori la ripartizione delle probabilità a favore dell’una o dell’altra ipotesi.

 

Resta da chiedersi cosa abbia guadagnato l’accusatrice: sicuramente visibilità momentanea e un traffico più massiccio verso il proprio sito. Due traguardi comunque effimeri che, dopo la sentenza, sono presto svaniti.  Mentre non svanirà tanto presto la ‘macchia’  della sconosciuta che ha voluto tentare un colpo disonesto a spese di una scrittrice molto amata. E che, addirittura, è stata bacchettata dal giudice “per aver rappresentato le similarità in maniera fuorviante”.

Comments

  1. Buongiorno, ho letto oggi il suo commento sul presunto plagio da parte della Meyer contro la Scott. non ritengo neppure io che quello sia il problema, anche perché in quel periodo il tema vampiresco andava talmente per la maggiore da risultare a dir poco nauseabondo. Non definirei però la Scott una sconosciuta in cerca di notorietà, anche la Meyer, prima di diventare conosciuta era sconosciuta. Mah, come alcuni riescano ad emergere ed altri no, mi lascia sempre perplessa, una cosa so per certo: tutti plagiano tutto. Questa frase tempo fa venne pronunciata da un personaggio che aveva ragione, maledettamente ragione. Nel mio piccolo, da sconosciuta, sono stata plagiata anch’io. Regalai un mio libercolo ad un ex amico, il quale, traendone dieci righe di giuste frasi, vinse un concorso in Francia. Ma è vero, il plagio verte sull’espressione linguistica e non sull’idea, ecco perché i più esperti plagiatori sanno riscrivere le idee altrui.
    A me la Meyer non piace, né i suoi libri né la capacità artistica con cui esprime storie che sì, sono plagiate,però dalle idee base della sua religione mormone (che conosco bene) e non da altri testi. In pratica ha raccolto i dettami della dottrina mormone che le servivano, li ha raffazzonati in stile letterario fantastico e ne ha costruito attorno un’intelaiatura che le ha dato il successo. Direi addirittura che abbia fatto proselitismo religioso in forma subliminale. Forse dall’esterno non se ne sono accorti tutti, ma i Mormoni lo hanno osservato. Beh, per me, questo è vincere facile. Di fronte al successo già maturato dalla Meyer, il torto fu dato alla povera Scott, che sicuramente torto aveva, tuttavia se la mettiamo sul plagio di idee… Ho letto volentieri la sua opinione. Cordiali saluti. Anna Maria

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui