Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate oltre un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi, o se volete contattarmi per fissare conferenze o seminari potete scrivermi a info@avvocatomarinalenti.it, o se si tratta di una semplice domanda, leggete più sotto le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che



    ©Marina Lenti - Tutti i diritti riservati
  • PER ESORDIENTI

     

    Per gli aspiranti scrittori o scrittori esordienti è disponibile il servizio di cui a questo link. Per ulteriori informazioni, scrivetemi a info@avvocatomarinalenti.it

    Trovate **QUI**  le mie referenze

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email e alla relativa richiesta di conferma, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo il tuo indirizzo email e confermando l’iscrizione rispondendo alla relativa mail che riceverai, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » Case editrici » LA ROYALTY AL RAGGIUNGIMENTO DELLA ‘TOT’ COPIA VENDUTA
martedì, 20 Mar 2018

LA ROYALTY AL RAGGIUNGIMENTO DELLA ‘TOT’ COPIA VENDUTA

Post by on Case editrici, diritto d'autore 289 0

E’ abbastanza diffusa, ormai, la pratica contrattuale secondo cui l’autore percepisce e debite royalty solo a partire dalla vendita della ‘tot’ copia.

 

Si tratta di una pratica veramente iniqua poiché, applicandola, l’editore  attende di rientrare nei costi di stampa prima di riconoscere alcunché all’autore.

 

Ciò, peraltro, in violazione della legge stessa in quanto, anzitutto, l’art.118 della Legge su Diritto d’Autore afferma che il contratto di edizione è

 

 

“Il contratto con il quale l’autore concede ad un editore l’esercizio del diritto di pubblicare per le stampe, per conto e a spese dell’editore stesso, l’opera dell’ingegno”.

 

”Per conto e spese dell’editore” non significa, dunque, usare le royalty dell’autore come Bancomat per sostenerle.

 

Inoltre, all’ art.130 la legge stabilisce che

 

“Il compenso spettante all’autore è costituito da una partecipazione, calcolata, salvo patto in contrario, in base ad una percentuale sul prezzo di copertina degli esemplari venduti”.

 

(seguono casi in cui è prevista una somma a saldo e stralcio ma si tratta di opere particolari e comunque non “dalla tot copia in su”. Quindi è normale che l’editore paghi le spese e che corrisponda una royalty e un editore che applichi dunque il riconoscimento di quest’ultima solo a partire da un certo numero di esemplari venduti non differisce, in sostanza, da un editore a pagamento. Anche perché se teniamo conto che pochi titoli riescono a sorpassare il centinaio di copie, l’autore rischia di non vedere mai il becco di un quattrino.

 

Pertanto, il mio consiglio è di rifiutare SEMPRE clausole di questo tipo nei contratti di edizione.

Tag

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui