Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate oltre un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi, o se volete contattarmi per fissare conferenze o seminari potete scrivermi a info@avvocatomarinalenti.it, o se si tratta di una semplice domanda, leggete più sotto le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che



    ©Marina Lenti - Tutti i diritti riservati
  • PER ESORDIENTI

     

    Per gli aspiranti scrittori o scrittori esordienti è disponibile il servizio di cui a questo link. Per ulteriori informazioni, scrivetemi a info@avvocatomarinalenti.it

    Trovate **QUI**  le mie referenze

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email e alla relativa richiesta di conferma, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo il tuo indirizzo email e confermando l’iscrizione rispondendo alla relativa mail che riceverai, dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » editoria » IL DILEMMA EAP VISTO DAGLI ILLUSTRATORI
lunedì, 29 Gen 2018

IL DILEMMA EAP VISTO DAGLI ILLUSTRATORI

Post by on editoria, Illustrazione, Libri 262 0

Ritengo che un autore non dovrebbe associare il proprio nome a una EAP, per i motivi che illustrato qui, ma un illustratore dovrebbe avere lo stesso scrupolo? L’unica ripercussione, per lui, potrebbe essere unicamente quella di ‘macchiarsi’ il curriculum, ma siamo sicuri che, a livello di percezione oggettiva, intesa come quella di un futuro committente, autore o editore, una collaborazione pregressa con un EAP o con un autore EAP sminuisca di riflesso la qualità del lavoro di un illustratore? Trattandosi di lavoro comunque espressamente richiesto e commissionato – a differenza del testo dell’autore – di primo acchito mi verrebbe da dire di no e non ho mai sentito autori o editori dirmi “non voglio quell’illustratore perché ha lavorato con le EAP”. Tuttavia, qualche tempo fa, ho voluto sentire l’opinione dei diretti interessati che frequentano il gruppo FB dell’Associazione Autori di Immagini e direi che sono emersi spunti interessanti che vale la pena di esaminare.

 

La prima obiezione che ho ricevuto era basata sul fatto che, siccome solitamente le EAP lavorano in maniera approssimativa (per la circostanza che il loro cliente non è il lettore ma l’autore, perché è su questo che fanno il proprio introito maggiore) , associare il proprio lavoro a gente di scarsa professionalità si ripercuote comunque sul valore del proprio nome. Non nella stessa misura che coinvolge l’autore di un EAP, ma in ogni caso sarebbe situazione da evitare. Inoltre, come una collaborazione con un EAP non fa curriculum valido per l’autore, neanche per l’illustratore lo farebbe, proprio perché a monte vi sarebbe gente senza le competenze adatte per fare una scelta oculata.

 

Ma la mia contro-obiezione è: oggettivamente, presentando un portfolio omettendo il committente, siamo sicuri che il disegno, se è comunque tecnicamente valido, non faccia curriculum? Se un illustratore è bravo si deduce da elementi oggettivi che balzano subito all’occhio, a volte finanche a un profano (laddove una valutazione della effettiva qualità di un testo richiederebbe invece tempo per leggerlo).

La replica è stata che, se non ha conoscenze specifiche, l’autore EAP committente diretto  o l’editore no EAP baserà la valutazione solo sul proprio gusto soggettivo e quindi non è un filtro che valga alcunché,  proprio per la sua mancanza di oggettività. Ne consegue inoltre che la mancanza di un feedback qualificato non aiuta nemmeno l’illustratore, specie se giovane e alle prime esperienze, a crescere.

 

Mentre concordo sul fatto che il feedback non qualificato non aiuti la crescita artistica, esprimo però il dubbio se anche gli editori no EAP abbiano comunque competenze tecniche per valutare le illustrazioni secondo il valore artistico… Se al loro interno non c’è una figura specifica, e di solito nella piccola editoria non c’è per una questione di costi, eppure la piccola editoria è il parco clienti maggiore per un giovane alle prime esperienze illustrative, la mia impressione è che si basino più sullo stile che pare andare per la maggiore in un dato momento e in relazione a quanto esso rispecchi il contenuto del libro.

 

Da ultimo mi è stato fatto rilevare che un testo EAP, avendo raramente qualità che lo rendono effettivamente degno di pubblicazione, non sarebbe una fonte ispirativa in grado di generare un buon lavoro di illustrazione.

Onestamente questo è il rilievo che mi convince di meno, poiché penso che uno possa essere un ottimo illustratore che riesce a tirare fuori da un pessimo testo  tutte le potenzialità. Un illustratore non ha bisogno che il testo sia espresso come buon editing impone, gli basta capire i concetti sottesi alla storia e, a meno che l’autore abbia pestato i tasti a caso, può farlo anche se quest’ultimo si esprime con pensierini da terza elementare. Peraltro, conosco illustratori con un certo nome che non disdegnano di lavorare per autori non solo privi di competenze in illustrazione, ma anche di autori esordienti che mirano al self publishing, se il testo li convince. E il self publishing, quanto a qualità del testo, offre le stesse ‘non-garanzie’ di un EAP.

 

E voi che ne pensate? Siete un illustratore? Siete un piccolo editore? Se volete lasciare un commento per contribuire al dibattito, siete i benvenuti.

 

 

 

Tag

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui