Your world of Wpdance.com, Wpdance.com by WpDance

  • COS’E’ E&L?


    EDITORIA E LEGGE è il blog dell'Avv. Marina Lenti, che riporta notizie, tendenze e questioni legali dedicate alla filiera libraria e musicale.

    Vi trovate quasi un centinaio di articoli, ma se avete un problema specifico da sottopormi potete scrivermi, o se si tratta di una semplice domanda, leggete le istruzioni per l'iscrizione alla newsletter.

    In ogni caso, sappiate che

  • NEWSLETTER


    A QUESTA PAGINA è possibile iscriversi alla Newsletter.
    L'iscrizione consente di sottopormi gratuitamente n.1 quesito specifico, a patto che la soluzione non preveda necessariamente l'esame di documenti.

    Dopo l'inserimento dell'email, controlla la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Se non vedi arrivare l'avviso, controlla la casella dello spam.
    Inserendo la tua email dichiari di aver letto e accettato la privacy policy del sito che puoi visualizzare QUI.
  • Archivio

  • RSS FEED

Home » diritto d'autore » IL FENOMENO DEL PLAGIO E DEL FREEBOOTING IN RETE
sabato, 07 nov 2015

IL FENOMENO DEL PLAGIO E DEL FREEBOOTING IN RETE

Post by on diritto d'autore, Plagio 779 0

notcopyGli scrittori si lamentano spesso furti di materiale postati sul proprio sito, blog o social account, spacciati poi come propri dal ladro (si tratta del ben noto plagio) e caricati sulle sue piattaforme (tecnicamente, questa operazione viene definita ‘freebooting’).

 

E’ possibile rendere non copiabile il testo di un sito (ma non di un social) con apposito software che impedisce il copia e incolla. Tuttavia si tratta di un blocco facilmente aggirabile, anche se non dirò come per non incoraggiare la pratica. Pertanto, coi testi, la soluzione del problema passa, purtroppo, solo per l’ avviso bonario, diretto o tramite le policy dei vari social a seconda dei casi. E qualora esso resti inascoltato, per le vie legali.

 

Quando si tratta di immagini e video è possibile prendere invece un accorgimento preventivo che non è aggirabile, ossia apporvi un watermark (letteralmente ‘filigranatura’) digitale, in modo da scoraggiare il freebooting (che non va confuso con le pratiche legittime del linking o dell’embedding).

 

Per le immagini, un sito che fornisce apposito tool è questo (ma ce ne sono tanti altri). Naturalmente, se qualcuno fosse determinato ad appropriarsi dell’immagine troverà il tool per ripulirla, tuttavia la presenza del watermark potrebbe essere un deterrente nel senso che, rispetto a cercare un’immagine simile senza contrassegni, tale ripulitura costituisce una fatica aggiuntiva. Di sicuro servirà comunque a evitare  l’utilizzo dell’immagine da parte di quei blogger che, senza sapere o pensare alle implicazioni sul copyright, pescano a caso digitando una chiave di ricerca in Google Immagini.

 

Per i video, anche qui basta scegliere. Un possibile tool è Virtual dub.

 

Oppure, si può agire sul video direttamente da Youtube: basta visitare, dopo il login, la pagina Creator Studio (la trovate cliccando sull’avatar del canale in alto a destra), poi su Canale e quindi su Branding. Qui potrete selezionare, nel menu a tendina a destra, il momento in cui si desidera che l’avatar del canale compaia (in basso a destra) sul video. Le opzioni sono: ‘fine del video’, orario di inizio personalizzato (nel qual caso comparirà ovviamente un’ulteriore stringa per impostare il minutaggio) e ‘intero video’.

Questo consente il vantaggio di poter sostituire il watermark a piacere, renderlo visibile per il tempo che si vuole e rimuoverlo successivamente in caso se ne presentasse la necessità. L’unico inconveniente è che se gli utenti hanno disabilitato le annotazioni, il watermark non sarà visibile per loro.

Per ususfruire del servizio, inoltre, l’account deve avere una buona reputazione, cioè non deve essere stato segnalato per violazioni di copyright. Potete verificarlo sempre dalla pagina Canale, cliccando poi su Stato e Funzioni e verificando quindi che ci sia il semaforino verde accanto alla dicitura ‘copyright’.

 

Leave Your Comment

Your name *

Your website

Your comment *

* Required Field

  • SU TWITTER

    Segui cliccando qui le ultime notizie sull'editoria dal mio Twitter account
  • SU FB (gruppo)

    Il gruppo FB 'Editoria e Legge' si trova qui